Pochi ma buoni. Il make up delle vacanze

Dopo anni di vacanze brevi (ma chiamiamoli anche weekend rubati qua e là) e grazie a una lunga esperienza di studentessa fuorisede, posso affermare con fierezza di aver imparato a preparare un bagaglio discretamente compatto e completo.

Non mi dilungherò nel parlare di quali e quanti capi d’abbigliamento porterò con me perché non interessa a nessuno, perché quando vado in vacanza voglio essere carina ma soprattutto comoda, e perché non ho scoperto nessuna formula miracolosa: parliamo di pantaloncini, qualche canotta, jeans, cardigan, borsa a tracolla e scarpe basse. L’unica regola che ormai da tempo mi sono data è quella di portare solo e soltanto le cose con cui mi sento più a mio agio, senza farmi venire strane idee del tipo “porto anche quel vestitino con le paillettes, magari saremo invitati al tavolo del capitano!”, per poi ritrovarmi a bighellonare per Pescasseroli in bermuda tutto il tempo.

Qualcosa di interessante, invece, forse potrei dirla a proposito del mio beauty delle vacanze. Che io parta per una settimana o per due giorni, il contenuto è più o meno invariato. Finora mi sono sempre trovata abbastanza bene, conservo foto ricordo in cui ho facce decenti e non ricordo di aver mai alzato le mani al cielo disperata per la mancanza di qualcosa di fondamentale, dunque ecco qui.

beauty vacanze

  • Paints Mac: si tratta sempre di un ombretto cremoso, ma dalla texture più sottile dei Paint Pot in vasetto. Mi assicura una maggiore igiene essendo in tubetto e si sfuma ancora meglio. Posso usarlo sia come base che da solo, applicandolo e sfumandolo semplicemente con il mio dito anulare. Quello che porto sempre con me è il colore Sublime Nature, un colore beige carne, leggermente satinato.
  • Eyeliner Pencil Revlon in 01 Black e 02 Dark Brown: le porto con me per tre motivi. Sono piccoline (parte di un set di tre mini matite che mi diedero in omaggio con un acquisto diverso tempo fa da Estasi Profumerie), si sfumano bene e durano tutto il giorno. Le utilizzo per intensificare la rima superiore dell’occhio dopo aver steso una base (in questo caso, vedi il punto precedente) sfumando il tratto con un pennellino a penna, che è la cosa che faccio SEMPRE e mi fa sentire quasi presentabile.
  • Chocolat Bar Too Faced: la mia amica del cuore del momento è questa palette. Ci sono tanti marroni opachi per dare profondità alla piega dell’occhio, un marrone scurissimo per fissare la matita sulla rima superiore, un rosa antico, un oro, svariati marroni satinati, illuminante mat e shimmer. E sono felice.
  • Phenomen’ Eyes Givenchy in Phenomen’ Black: porto questo mascara con me perché è piccolino e fa un buon lavoro nonostante il mio amore/odio per lo scovolino, il quale è degno della mia stima probabilmente solo perché mi ricorda una piccola mazza chiodata (no, non sono violenta. Sono solo uno Scorpione).
  • Maybelline Instant Anti-Age in Nude: inserito anche nei miei Beauty Essentials, questo correttore da solo mi basta a fare una specie di base estiva. Lo stendo sotto le occhiaie e nelle zone di luce (centro della fronte, naso, attorno la bocca), lo sfumo con un pennello compatto o con le dita e sono a posto. Fortunatamente non ho granché da coprire (brufolo in 3, 2, 1…) e soffro drammaticamente il caldo soprattutto sul viso, quindi sto bene così.
  • Argan Color Stick Josie Maran in Spice: un tocco di blush in crema mi dà quel poco di colore che desidero sulle gote, questo in particolare ha un ottimo profumo, dura parecchio e posso picchiettarlo anche sulle labbra.
  • Photoready Skinlight Revlon in 400 Bronze Light: questo bronzer fluido, che uso principalmente la sera, mi dà modo di sottolineare gli zigomi senza invadermi la faccia di glitterini. Ha una satinatura estremamente discreta (anche se, ripeto, evito di usarlo di giorno) e dà un effetto sunkissed molto delicato. Inoltre posso applicarlo e sfumarlo con le dita, quindi mi evita di portarmi dietro un pennello apposito.
  • Cipria compatta Bottega Verde in Beige Crepuscolo: è una cipria compatta (ma và?), fissa quei pochi prodotti che ho applicato sul viso dando un velo di coprenza che non mi dispiace.
  • Tinted lip treatment Sugar Rosé Fresh in *colorenonpervenuto*: burrocacao molto idratante, piccolino (è una minisize), leggermente colorato, profumato, con un fattore di protezione che non so quantificare perché la scritta si è cancellata. E soprattutto il tappo SI AVVITA (quanto sono geniali questi american boys? Che concepiscono un burrocacao che non si apre in borsa attirando a sé tutta la sporcizia del globo?).

Per me andrebbe anche bene così, ma ho voluto inserire tre prodotti labbra facoltativi (e soprattutto, avevo dimenticato di metterli nella prima foto).

labbra

 

  • Liquid Tech Lip Color Nabla in Amore e Psiche, 90s e Blossom Dance: durevoli e facili da applicare, posso essere usati uno alla volta o mescolati per ottenere sempre nuovi colori. Inoltre il loro packaging non mi fa tremare al pensiero che lo stick possa sciogliersi o staccarsi per il caldo (dolore che non vorrei provare proprio MAI PIÙ).

 

Spero che possa esservi stato utile leggere del mio minibeauty da minivacanza.

Per me è stato utile, perché mi sono accorta di aver dimenticato il temperino.

 

A presto!

 

 

Sull'autore

Federica

Parole & Make up è quello che sono.

Parlo troppo e scrivo quando sono stanca di parlare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2013. Created by Meks. Powered by WordPress.